Un repentino dimagramento od il rilassamento muscolo-cutaneo possono sortire nei glutei dei vuoti di volume che possono essere colmati ricorrendo alla tecnica di lipofilling (spesso associata alla liposuzione o al lifting di questa zona). La tecnica prevede il prelievo, dallo stesso soggetto, di piccole quantità di grasso che, opportunamente trattate, vengono infiltrate nelle zone interessate. Il prelievo del tessuto adiposo avviene per mezzo di una sottile cannula collegata ad un lipoaspiratore introdotta in aree nascoste alla vista, come l’interno del ginocchio, la piega glutea od i fianchi.

L’infiltrazione adiposa viene praticata attraverso una speciale siringa dall’ago sottilissimo. Trattandosi di materiale autologo (proveniente cioé dallo stesso organismo), non ci sono problemi di allergie né di rigetti: il grasso infiltrato rimarrà nella sede prevista creando un riempimento di notevole effetto estetico ed una sorta di minilifting dei glutei. Si potrebbe ricorrere all’ inserimento di una protesi, ma questo tipo di approccio non si rivela efficace anche perché molto spesso comporta problemi di “tollerabilità”. Meglio ricorrere anche in questo caso al lipofilling in modo da rendere più armonioso il profilo della gamba.

La seduta di lipofilling non é per niente dolorosa, anche perché la parte trattata viene precedentemente anestetizzata. Al suo termine, può comparire un leggero gonfiore per circa una settimana. Gli effetti del lipofilling durano a lungo: il grasso inoculato verrà comunque gradualmente assorbito, essendo riconosciuto dall’organismo come materiale proprio. Nulla osta ad ogni modo a ripetere la terapianel tempo, e senza controindicazioni.